Nuovi studi dimostrano l’efficacia degli acidi grassi omega-3 per il colesterolo alto.

2096

Gli acidi grassi omega-3 contenuti negli oli di pesce completano efficacemente la terapia con le statine nei disturbi del metabolismo del colesterolo.

 

Le capsule di olio di pesce dovrebbero essere assunte in associazione alla terapia convenzionale con le statine. Uno studio condotto su 254 pazienti e pubblicato nel 2007 nella rivista Clinical Therapeutics ha dimostrato che gli omega-3 assunti con le statine danno risultati migliori che le sole statine. In una metanalisi condotta presso l’ospedale universitario di Basilea (la metanalisi raccoglie e analizza dati preesistenti) è stata studiata l’efficacia di vari farmaci su pazienti con valori anomali di grassi nel sangue. Sono stati presi in considerazione 97 studi pubblicati in tutto il mondo riguardanti oltre 135.000 pazienti. E’emerso che gli acidi grassi omega-3 contenuti nelle capsule di olio di pesce possiedono addirittura una maggior efficacia dei farmaci anticolesterolo convenzionali quali ad esempio le statine. Gli acidi grassi omega-3 esplicano numerosi altri effetti benefici sul sistema cardiovascolare: regolano il ritmo cardiaco, proteggono dalle trombosi e prevengono le infiammazioni, responsabili del restringimento dei vasi sanguigni.

Il vasto campo di azione degli acidi grassi omega-3

Gli acidi grassi omega-3 quali l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA) sono indispensabili per la sintesi di sostanze simili agli ormoni (gli eicosanoidi) che svolgono molteplici funzioni metaboliche. Sono efficaci coadiuvanti nel trattamento dei processi infiammatori; permettono di ridurre il dosaggio dei farmaci antireumatici e antidolorifici limitandone cosi gli effetti collaterali. Inoltre, migliorano le funzioni cerebrali e le capacità di apprendimento. Per garantire uno sviluppo ottimale del cervello del bambino, è necessario assumere regolarmente questi acidi grassi prima e durante la gravidanza. Gli effetti benefici dell’olio di pesce sono stati dimostrati anche in caso di difficoltà di apprendimento o disturbi dell’attenzione. I primi risultati di uno studio in fase di realizzazione lasciano inoltre sperare che il consumo regolare di pesce e l’assunzione di integratori omega-3 possano ridurre notevolmente il rischio di demenza senile.

- Publicité -
Articolo precedenteScacco alle micosi vaginali
Prossimo articoloInfezioni da fungo
Rédactrice en chef de vitamag® Rita Ducret-Costa, rédactrice en chef de vitamag®, pharmacienne diplômée de l’Université de Bologne (une ville à découvrir absolument, si ce n’est pas déjà fait), nutritionniste (une véritable passion!) et homéopathe (mais tout autant ouverte à la médecine classique). Aime plein de choses: tout ce qui touche à la santé, les langues, le sport, les contacts, etc.