Dormire meglio, finalmente!

    1686

    Dormire in una stanza ben aerata e non surriscaldata, rispettare il proprio orologio biologico, fare attività fisica durante la giornata (ma non in tarda serata): queste poche misure sono talvolta sufficienti a favorire l’addormentamento o a migliorare la qualità del sonno.  

    Una grande varietà di soluzioni dal vostro farmacista

     

    Alcune sostanze presenti negli ali­menti influenzano positivamente il sonno, che è condizionato dalla serotonina, prodotta dal cervello a partire dal triptofano. Quest’ultimo è un aminoacido «essenziale», necessariamente di origine alimentare, poiché il corpo non è in grado di sintetizzarlo. E’ stato dimostrato che il tasso di serotonina nel cervello dipende dalla quantità di triptofano di apporto alimentare. Come tutti gli aminoacidi essenziali, il triptofano è presente nelle proteine animali, e soprattutto nel latte. Ciò nondimeno, un pasto ricco di proteine ne diminuisce il trasporto nel sangue, perché si instaura una competizione con gli altri aminoacidi. Una cena ricca di glucidi facilita invece il trasporto ematico del triptofano e il suo utilizzo da parte del cervello. Tra gli «amici» del sonno figurano anche la vitamina B6, il magnesio e il calcio, che possono essere somministrati come integratori. I due primi nutrienti contribuiscono alla sintesi della serotonina, mentre gli ultimi due favoriscono il rilassamento.

    Molte piante (valeriana, luppolo, melissa, passiflora, fiori d’arancio ecc. ) sono note per la loro azione sedativa e di induzione del sonno.

    L’omeopatia offre soluzioni mirate. A titolo di esempio, le difficoltà ad addormentarsi collegate ad un’emozione lieta o all’abuso di caffè orientano verso Coffea, mentre Rhus tox. è il rimedio dell’insonnia provocata da un grande sforzo fisico. Ignatia è indicato se la causa è una contrarietà o un di­spiacere, Gelsemium, dopo una brutta notizia.

    Tra i sonniferi di sintesi in libera ven­dita ricordiamo due antistaminici: la difenidramina e la doxilamina. Caratterizzati da rapidità d’azione e buona tollerabilità, devono però essere utilizzati solo per brevi periodi.

    - Publicité -